+39 347 2301915

Un evento catastrofico: la tempesta Vaia

Fine ottobre, arriva la tempesta Vaia

Tempesta Vaia, questo è il nome della violenta perturbazione atmosferica caratterizzata da vento fortissimo che nel mese di ottobre 2018 ha flagellato e messo in ginocchio la nostra regione, apportando numerosi danni ambientali.

I numeri sono davvero impressionanti! Gli effetti della tempesta Vaia sono stati 41 mila ettari di boschi rasi al suolo, 16 milioni di alberi, 8,6 milioni di metri cubi di legno abbattuti in pochi minuti da raffiche di vento fino a 190 km/h tra Trentino e Alto Adige, Veneto, Lombardia e Friuli Venezia Giulia.

La Regione più colpita dalla tempesta Vaia è stata il Veneto, dove i danni sono stati valutati in 1 miliardo e 769 milioni di Euro.
Per quanto concerne le foreste, a causa del vento secondo le prime stime sono stati abbattuti tra i 6 e gli 8 milioni di metri cubi di legname, un dato mai registrato in epoca recente in Italia.

La disastrosa ondata di maltempo sul Triveneto è un evento che si è verificato a seguito di una forte perturbazione di origine atlantica che ha portato sulla regione persistenti piogge a partire dal 26 ottobre 2018.
A questo si è aggiunto anche un fortissimo vento caldo di scirocco che, soffiando tra i 100 e i 200 km/h per diverse ore, ha provocato lo schianto di milioni di alberi con la conseguente distruzione di decine di migliaia di ettari di foreste alpine.

Si è trattato sicuramente del più importante disturbo da vento avvenuto in epoca recente in Italia, anche perché ha interessato foreste che, oltre ad essere tra le più belle e famose delle Alpi, fanno parte di
un paesaggio che è un patrimonio culturale e naturalistico di valore inestimabile.

Perché la tempesta Vaia ha questo nome?

Una curiosità, che riporto dal quotidiano L’Adige: “Mi sono incuriosito del perché di questo nome ed ho scoperto che «l’Istituto meteo della Libera Università di Berlino» ha l’incarico di dare un nome alle aree di bassa od alta pressione che si susseguono in Europa e che tale nome può essere acquistato e personalizzato. Un cittadino tedesco ha pensato di fare un regalo di compleanno alla sorella di nome Vaia intitolandole l’area di bassa pressione che si è instaurata alle nostre latitudini a fine ottobre 2018, senza peraltro sapere in precedenza i danni che la stessa avrebbe causato. Il tutto è costato 199 euro più Iva. Per completezza di informazione ho appurato che denominare le aree di alta pressione, essendo le stesse più durature, costa 299 euro sempre più Iva.

Puoi leggere più dati riguardo al maltempo sul Triveneto su Wikipedia.


Winter

Vuoi ricevere i miei post via e-mail?
Iscriviti alla newsletter!

La newsletter di Guide Dolomiti viene inviata soltanto quando pubblico un nuovo articolo sul sito, oppure quando ho qualche interessante attività in programma, o per raccontare esperienze, pratiche ed errori che mi hanno insegnato a muovermi meglio e con più sicurezza in montagna.


I commenti sono chiusi.

footer silhouette