+39 347 2301915

Perchè una guida?

La sicurezza in montagna è un tema importante per l’alpinismo.

Gli esseri umani sono alla ricerca di svago e avventura in montagna, ma come in tutte le situazioni della vita anche in alpinismo vi è un certo rischio.
Le guide alpine sono professionalmente preparate per ridurre questo rischio e per garantire la sicurezza in montagna.
La loro formazione di alta qualità è focalizzata sulla sicurezza.

In aggiunta a questo il guida alpina passa davvero molto tempo in montagna e perciò ha una lunga esperienza che aiuta a prendere le giuste decisioni in situazioni difficili. sicurezza in montagna

sicurezza in montagna

  • sicurezza in montagna
  • sicurezza in montagna
  • sicurezza in montagna
  • guide dolomiti
  • guide alpine
  • guida alpina

Perché una guida? Perché la Guida Alpina può mettere a tua disposizione un grande bagaglio di esperienza e ti permetterà
di vivere in sicurezza emozioni e momenti indimenticabili:

  • Esperienza
  • Competenza
  • Sicurezza
  • Insegnamento
  • Conoscenza del territorio
  • Conoscenza della natura

 
Servizi offerti Riguardo a me



La guida alpina ti fa conoscere la vera montagna!

Una buona guida alpina può trasformare l’esperienza di un viaggio in qualcosa di straordinario e indimenticabile.
Assumere una guida farà sì che la tua giornata in montagna diventi un interessante tour con molte informazioni e risposte alle domande che potresti eventualmente porre.
Il tour è inoltre ben pensato, efficiente e sensato. Inoltre, in nessun momento la guida alpina si sentirà persa o fuori dal suo elemento.

Un professionista del settore non solo ti guida con sicurezza in montagna, ma svolge anche compiti globali nel prendersi cura dei suoi clienti. Prima che inizi il tour, dà un consiglio personale al cliente e lo supporta nella scelta dell’itinerario giusto.

Le guide alpine hanno inoltre una formazione di base in geologia, fauna e flora e conoscono le montagne e la loro storia. In questo modo, il tempo trascorso in montagna diventa un’esperienza globale per il cliente. La guida non indica solo la strada, ma è anche consulente e animatore. Aiuta i clienti ambiziosi a migliorare tecnicamente e fisicamente. Spesso la guida alpina accompagna il suo cliente per molti anni e in tutto il mondo. Questa è la base per le amicizie che durano per tutta la vita.

Le guide non sono né maestri di montagna estrema, né accompagnatori per timorosi.

Nel pubblico sono piuttosto diffuse due convinzioni opposte, da sfatare entrambe, e chi scrive o comunica di montagna è importante che lo sappia.
Da un lato chi già si muove abbastanza bene in montagna, ma non è un professionista, concepisce il rivolgersi alla guida come un atto di codardia o, meglio, ammissione di non capacità. Sbagliato: talvolta sono gli stessi atleti di punta a consultarsi e farsi accompagnare dalle migliori guide alpine locali. L’umiltà è segno di intelligenza, di preparazione, di bravura, e non del contrario.
Dall’altro si pensa che le guide siano da interpellare solo se il nostro livello tecnico è molto elevato, in pratica se desideriamo cercare l’estremo, e non semplicemente imparare o farci guidare in situazioni più “normali”. Anche questa percezione è completamene sbagliata: le guide sono dei formatori e come tali si adattano volentieri al livello delle persone che accompagnano, sono felici di lavorare e spesso hanno grande disponibilità.

Tratto da “Giornalismo, educazione e valanghe. 10 cose da sapere” di Giulio Caresio