+39 347 2301915

Perchè una guida?

La sicurezza in montagna è un tema importante per l’alpinismo.

Gli esseri umani sono alla ricerca di svago e avventura in montagna, ma come in tutte le situazioni della vita anche in alpinismo vi è un certo rischio.
Le guide alpine sono professionalmente preparate per ridurre questo rischio.
La loro formazione di alta qualità è focalizzata sulla sicurezza.

In aggiunta a questo il guida alpina ha una lunga esperienza che aiuta a prendere le giuste decisioni in situazioni difficili. sicurezza in montagna

sicurezza in montagna

  • sicurezza in montagna
  • sicurezza in montagna
  • sicurezza in montagna
  • guide dolomiti
  • guide alpine
  • guida alpina

Perchè una guida? Perché la Guida Alpina può mettere a vostra disposizione un grande bagaglio di esperienza e vi permetterà
di vivere in sicurezza emozioni e momenti indimenticabili:

  • Esperienza
  • Competenza
  • Sicurezza
  • Insegnamento
  • Conoscenza del territorio
  • Conoscenza della natura

Servizi offerti Riguardo a me


Le guide non sono né maestri di montagna estrema, né accompagnatori per timorosi.

Nel pubblico sono piuttosto diffuse due convinzioni opposte, da sfatare entrambe, e chi scrive o comunica di montagna è importante che lo sappia.
Da un lato si pensa che le guide siano da interpellare solo se il nostro livello tecnico è molto elevato, in pratica se desideriamo cercare l’estremo, e non semplicemente imparare o farci guidare in situazioni più “normali”. Sbagliato, le guide sono dei formatori e come tali si adattano volentieri al livello delle persone che accompagnano, sono felici di lavorare e spesso hanno grande disponibilità.
Dall’altro chi già si muove abbastanza bene in montagna, ma non è un professionista, concepisce il rivolgersi alla guida come un atto di codardia o, meglio, ammissione di non capacità. Anche questa percezione è completamene sbagliata: talvolta sono gli stessi atleti di punta a consultarsi e farsi accompagnare dalle migliori guide alpine locali. L’umiltà è segno di intelligenza, di preparazione, di bravura, e non del contrario.

Tratto da “Giornalismo, educazione e valanghe. 10 cose da sapere” di Giulio Caresio

Scroll Up