+39 347 2301915

Due vie consigliate: Re Artù e L’nein.

Re Artù e L’nein – Arrampicare su roccia bellissima

Voglio oggi consigliarvi due bellissime vie che ho avuto modo di salire quest’estate, Re Artù e L’Nein. Le vie sono accomunate dalla lunghezza complessiva e dall’ottima qualità della roccia ma si differenziano assai per stile d’arrampicata e impegno psicologico richiesto al capocordata.

La via Re Artù si sviluppa sulla solare parete sud del Monte Formin (2657 m ), che in questo versante sovrasta le meravigliose praterie alpine di Mondeval, un ambiente incantevole e incontaminato.
Aperta in solitaria da Mario Dibona, la via è completamente attrezzata a spit e offre un’arrampicata su roccia splendida. Le protezioni sono ravvicinate e nei tiri più difficili i passaggi duri  possono essere facilmente azzerati.
Si arrampica su placche, diedri, strapiombi, ed il divertimento è assicurato grazie alla eccellente qualità della roccia e grazie ai numerosi spit che rendono la via veramente sicura.

La via L’Nein è invece opera della forte guida gardenese Ivo Rabanser, accompagnato in quell’occasione da Klaus Malsiner. re artù e l’nein
La salita percorre la parete ovest delle Mëisules dala Biesces, comodamente accessibile dalla strada del Passo Gardena. Anche in questo caso la roccia è super (tranne alcuni brevi tratti facili),  ma l’impegno psicologico richiesto al primo di cordata è notevole. I chiodi presenti sulla via sono una decina; le soste sono comunque a prova di bomba, attrezzate con dei solidissimi anelli cementati che rendono comoda la discesa in corda doppia. Numerosi percorsi sono presenti sulla parete delle Mëisules, accomunati dallo stesso stile di arrampicata: questo fa sì che difficilmente dovrete mettervi in coda all’attacco della via. Al contrario delle vicine e sovraffollate Torri del Sella e del Piz de Ciavazes, le vie presenti su questa parete sono riservate a chi possiede grande esperienza alpinistica.

RE ARTÙ

ACCESSO GENERALE
Il Passo Giau (2233 m) si raggiunge facilmente da Cortina d’Ampezzo, soluzione ideale per chi proviene dall’autostrada A27. Oppure può essere raggiunto dal versante opposto, salendo da Caprile, per chi proviene dall’Agordino.

ACCESSO re artù e l’nein
Parcheggiare circa 200 metri prima del Passo Giau (versante Cortina) in un evidente spiazzo sulla sinistra della strada. Seguire il sentiero n. 436 che porta alla Forcella Giau (45 minuti). Dalla forcella portarsi alla base della parete: una scritta sulla parete ed uno spit situato a pochi metri d’altezza permettono di individuare facilmente l’attacco della via (10 minuti da Forcella Giau).

NOTA
In casodi maltempo  nella zona,  fulmini e temporali colpiscono con particolare violenza la Croda da Lago ed i Fastoni di Formin.
In caso di tempo incerto consiglio perciò di rinunciare  alla scalata.

DISCESA (3 opzioni) re artù e l’nein
1 – Incamminarsi per tracce di sentiero in direzione nord-est fino ad un’evidente spaccatura sulla destra (5 minuti).  All’ imbocco del canale è ben visibile il primo dei tre ancoraggi che permettono con altrettante calate in doppia ed una breve camminata di ritornare all’attacco della via. Per le doppie e sufficiente una corda da 60 metri. In caso di pioggia o in presenza di altre cordate il rischio di caduta sassi è da tenere in giusta considerazione.
2 – In alternativa si può scendere a piedi, raggiungendo dapprima per tracce di sentiero la Forcella Rossa del Formin, quindi per sentiero (prima  n. 435 e poi n. 436) si ritorna alla Forcella Giau ed al Passo Giau (ore 2 circa).
3 – Come ultima possibilità, si può scendere in doppia lungo la via: in questo caso sono necessarie due corde da 60 metri. Meglio però evitare questa soluzione se ci sono altre cordate dietro di noi.

LUNGHEZZA re artù e l’nein
Circa 300 metri.

MATERIALE
12 rinvii. Utile un friend di misura media per proteggersi nella seconda parte del primo tiro.

DIFFICOLTA’
1°   tiro 5b            30m
2°   tiro 6a            30m
3°   tiro 5b            28m
4°   tiro 5a            30m
5°   tiro 5c            24m
6°   tiro 6c (A0)   38m
7°   tiro 6a            20m
8°  tiro 6b          32m
9°   tiro 5c            34m
10° tiro 5b            38m

SCARICA PDF TRACCIATO E GRADI
SCARICA FOTO ALTA RISOLUZIONE

CARTOGRAFIA re artù e l’nein
Carta topografica Tabacco – scala 1:25.000 n° 03 – Cortina d’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane.

PUNTI D’APPOGGIO
Rifugio Passo Giau  Tel. 0437 720130

_________________________________________________________________________________________

L’NEIN

nein_traccACCESSO GENERALE
Dalla strada che dal Passo Gardena (2125 m) scende in Val Gardena.

ACCESSO
Dal Passo Gardena proseguire in direzione Passo Sella. Poco dopo la Sella de Culac (2018 m), situata circa un km a monte del Ristorante Gerard, uno spiazzo sulla destra permette il parcheggio. Per prati e tracce di sentiero in 20 minuti di cammino si raggiunge l’attacco della via.

DISCESA (2 opzioni)
1 – La soluzione più comoda è di calarsi lungo la via (5 doppie). In questo caso è preferibile non salire in vetta evitando quindi di scalare  l’ultimo tiro. Necessarie due corde da 50 (meglio ancora 55) metri.
2 – In alternativa si può scendere a piedi nella Val Gralba (est) e dopo averne attraversato il fondo proseguire verso sud. Continuare la discesa tra grossi blocchi, immettersi in un canale che scende a sinistra (sud) e che in basso svolta a destra (ovest) fino alla base di una cascata. Raggiunta la base delle Meisules dala Biesces per prati e bosco si ritorna al parcheggio. Ore 1,40.

LUNGHEZZA re artù e l’nein
Circa 300 metri.

MATERIALE
6 rinvii, cordini o kevlar per clessidre, serie di friends  e 2 corde da 50 metri se si vuole scendere in doppia lungo la via.

DIFFICOLTA’
re artù e l'nein1° tiro IV+   40m
2° tiro IV     25m
3° tiro V+    15m
4° tiro VI     50m
5° tiro V      20m
6° tiro VI     30m
7° tiro V      45m
8° tiro V-     55m
9° tiro III    40m

SCARICA PDF TRACCIATO E GRADI

CARTOGRAFIA re artù e l’nein
Carta topografica Tabacco – scala 1:25.000 n° 05 – Val Gardena e Alpe di Siusi.

PUNTI D’APPOGGIO
Numerosi alberghi e ristoranti in tutta la zona.

Scroll Up