+39 347 2301915

Dolomiti News - Informazioni e curiosità dalle Dolomiti.

Ra Pezories.

In una nebbiosa domenica di metà settembre, mentre stavamo rientrando dalla salita del Campanile Dimai e della Punta della Croce, proposi agli amici di approfittare della giornata salendo anche la III, la minore delle tre Pale de ra Pezories, cime del gruppo del Pomagagnon che torreggiano sulla Strada d’Alemagna tra Fiames e il Tornichè di […]

In gita sul Monte Pore.

Facciamo conto che qualche lettore stia pensando ad una cima facile e panoramica, di accesso comodo e non troppo lungo. Uscendo per una volta dagli stretti confini d’Ampezzo ma restando sempre nelle Dolomiti, ho quello che fa per lui: a meno di 20 km da Cortina, a cavallo fra Colle Santa Lucia e Livinallongo, si […]

La via Benjamin.

Tra gli anni 2000 e 2003 gli Scoiattoli Luigi Majoni e Davide Gaspari tracciarono una bella e difficile via sulla parete est della Tofana di Mezzo. La via, non molto conosciuta, si sviluppa su splendide placche calcaree e strapiombi che caratterizzano lo sperone centrale di questa cima. L’impegnativo percorso costrinse gli apritori a superare alcuni […]

Al cospetto della Croda Rossa.

I ricordi mi portano oggi verso una montagna poco nota e frequentata, perché priva di sentieri, che mi sento di indicare a chi ami l’alpinismo senza tracce, vernici e cartelli, in ambiente magnifico: la Punta del Pin (2682 m). Dalla dorsale che la Croda Rossa d’Ampezzo protende verso est emerge una massiccia elevazione, che si […]

La selvaggia Punta Erbing.

Antonio Dimai, famosa guida alpina ampezzana, conosceva bene il Pomagagnon, sul quale fra il 1899 e il 1905 aprì ben cinque nuovi itinerari. L’ultimo saliva la parete sud della sommità più orientale della cresta (2301 metri), scalata con l’inseparabile compagno Agostino Verzi e un tale Erbing, il cui nome apparve nella storia dolomitica come una […]

Arrampicare sul Campanile Federa.

Aperta in due giorni nell’estate del 2002, sulla parete nord-ovest del Campanile Federa (Gruppo della Croda da Lago), la via “Il ruggito del coniglio” merita di essere segnalata in quanto si sviluppa in un ambiente splendido e solitario, su roccia quasi sempre ottima. Primi salitori: S. Cannarella, G. Rosada, M. Sterni (29/06 e 20/07 2002) […]